Accuse pesantissime contro la FIGC: ecco cosa è successo

La Federcalcio svedese lancia l’accusa, dopo la gara di Under 21 contro gli azzurrini, la FIGC però, risponde prontamente.

FIGC (Getty Images)
FIGC (Getty Images)

Sarebbe l’ennesima brutta pagina di un calcio che non vuole modernizzarsi. E l’Italia non ci farebbe certamente una bella figura. Se le accuse della Federazione svedese di calcio fossero fondate infatti, ci troveremmo dinanzi all’ennesimo episodio di razzismo.

Pochi giorni fa, l’assurdo racconto di una calciatrice, che sui social ha denunciato le minacce ricevute, ed oggi le presunte vicende di Italia-Svezia Under 21, gettano nuove ombre su chi ha il diritto, purtroppo, di presenziare negli stadi di calcio, anche se stavolta sarebbe stato persino un calciatore, il protagonista della vicenda.

La FIGC rispedisce le accuse al mittente

Parrebbe proprio quindi, che la vicenda Koulibaly, non abbia fatto da esempio. Negli stadi italiani, ci sarebbe ancora del razzismo nei confronti di ragazzi che altro non fanno, che vestire una maglia avversaria per una gara di calcio. Questa volta, la vittima sarebbe il giovanissimo Anthony Elanga, ragazzo di colore delle giovanili svedesi.

Questo, è quanto ha scritto a riguardo, la Federcalcio svedese: “In occasione della gara di qualificazione al Campionato Europeo della Nazionale Under 21 contro l’Italia a Monza di martedì – si legge in una nota ufficiale – Anthony Elanga ha dichiarato dopo la partita di essere stato oggetto di un commento razzista da parte di un avversario della Nazionale italiana Under 21″.

LEGGI ANCHE>>> Maignan, risposta spettacolare: si cercano i responsabili (FOTO)

 Claes Eriksson, tecnico dell’Under 21 svedese, ha raccontato che una relazione è già stata presentata agli ufficiali di gara e che quindi ora si aspetta il comunicato dell’arbitro per sapere come andrà a finire questa vicenda. “Anche il responsabile della sicurezza Martin Fredman è stato informato dell’accaduto”, spiega Eriksson. Intanto la FIGC, ha risposto con il pugno duro, dichiarando: La FIGC smentisce nella maniera più assoluta che un calciatore dell’Under 21 abbia espresso offese a sfondo razzista nei confronti di un avversario, episodio tra l’altro che, da quanto ci risulta, non è stato riscontrato dagli ufficiali di gara o dal delegato UEFA“.

Author: editor

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *