clamoroso 2° posto in una classifica

Ecco la speciale classifica che vede la F1 soltanto dietro alla Formula E, spieghiamo di cosa si tratta e dei parametri.

Un bel risultato per tutto il movimento della Formula 1. Era quello che si voleva ed adesso si raccolgono le somme. Infatti, la F1 è riuscita finalmente ad avere un’incisione di impatto ambientale, meno violenta del passato, addirittura finendo per essere quasi la migliore tra tutte. Ecco perché lo sappiamo.

F1 (Getty Images)
F1 (Getty Images)

Perché la F1, che dirà addio ad una sua tradizione, scenderà però in pista con vetture totalmente rinnovate. Ma attenzione, perché l’ottimo risultato è stato raggiunto con le monoposto che valevano per il Mondiale scorso, essendo i dati in questione, stati analizzati da luglio a novembre 2021, su 25 criteri diversi per prestazione di sostenibilità. Le sei aree da verificare, includevano certificazioni, accreditamenti e premi, criteri ambientali, criteri sociali, impegno e partnership e approccio alla sostenibilità.

Ferrari, vedremo una livrea diversa? Spunta un nuovo sponsor (VIDEO)

F1: in che modo potrà ancora migliorare

Il miglior gradino del podio, lo ha raggiunto la Formula E, ovviamente con auto totalmente elettriche e quasi fuori classifica. A valutare ben 106 sport con sostegno di un motore, è stata la Sustainable Championship Index, un ramo della stessa società che aveva già creato il Sustainable Circuits Index, in favore dell’ambiente.

In base al quadro ambientale FIA, la FE ha addirittura conquistato le tre stelle della certificazione ambientale. Il punteggio dello sport con auto elettriche che qualcuno preferisce addirittura alla classe regina, è stato di 79 punti su 100. Questo fa capire quanto abbiano lavorato bene gli organizzatori della F1, che ha ottenuto 60 su 100.

F1, dalla Ferrari arriva una doccia fredda: la notizia che fa arrabbiare i tifosi

Tutto quello che gira attorno ai motori, con le nuove tecnologie, potrà ovviamente sempre migliorare. Non solo la F1 già dal 2022, con le nuove monoposto molto basate sul fondo, ma anche la stessa Formula E. Infatti, il movimento si è prefissato come obiettivo le zero emissioni entro il 2030. La dottoressa Cristiana Pace, membro della Commissione per l’ambiente e la sostenibilità della FIA, nonché fondatrice e amministratore delegato della società di consulenza per la sostenibilità Enovation, ha detto a proposito della F1: “Voglio congratularmi con tutti quelli della lista, dal basso verso l’alto, per aver iniziato questo viaggio verso la sostenibilità. La F1 è davvero una bella sorpresa e siamo davvero felici per loro. Siamo lieti del risultato”.

Author: editor

Leave a Reply

Your email address will not be published.