F1, Carlos Sainz si allena per i test sulla Ferrari: ecco come

Il pilota spagnolo della Ferrari, Carlos Sainz, si è svegliato presto per allenarsi in vista della sessione pomeridiana dei test di Barcellona.

In Spagna sono iniziati i primi test della stagione. Formalmente è stato definito uno shakedown delle vetture, ma in sostanza sono prove, esattamente come quelle che vi saranno a marzo in Bahrain. La scelta di Liberty Media di non mostrare le immagini del circuito e non dare l’opportunità ai fan di presenziare sulle tribune appare quanto mai illogica. In questo panorama di spionaggio per mezzo di fotografi e reporter, i piloti hanno iniziato a macinare i primi chilometri nel tentativo di raccogliere quanti più dati utili per gli ingegneri.

Carlos Sainz (Getty Images)
Carlos Sainz (Getty Images)

Gli orari sono classici per un totale di otto ore al giorno. La sessione mattutina scatta alle 9 e termina alle 13. Il tempo di una pausa pranzo e si riprende nel pomeriggio dalle 14 alle 18. I driver delle rispettive scuderie si dividono il lavoro per un totale di 12 ore a testa nella tre giorni catalana. Stamane per la Ferrari è sceso in pista Charles Leclerc che ha già iniziato a girare su discreti tempi. Ciò che conta non è naturalmente il crono, ma l’affidabilità del mezzo.

Per i team è l’occasione anche di osservare da vicino le soluzioni tecniche portate dagli avversari. Per ora molte squadre, come la Red Bull Racing, avevano deciso di non mostrare le novità al momento del car reveal della scorsa settimana. Più o meno tutti i team si sono nascosti con l’intento di non dare vantaggi immediati alla concorrenza. Ora l’attenzione è rivolta all’effettiva funzionalità ed eventuale adozione di alcuni componenti. Non è un segreto che le vetture potranno copiarsi tra loro gli elementi migliori.

Ferrari, anticipata la concorrenza? La F1-75 sta già girando (VIDEO)

La preparazione di Carlos Sainz

Il figlio d’arte del Matador ha ereditato da suo padre una disciplina ferrea. Carlos si allena con una costanza straordinaria, la medesima regolarità che riesce a mettere in pista nel weekend. Il talento madrileno è stato selezionato dalla Rossa soprattutto per la sua stabilità. E’ un ragazzo che si sveglia con un obiettivo nella testa e va a letto con il medesimo pensiero. Lo spagnolo vuole vincere a tutti i costi, senza risparmiarsi e dimostrando, attraverso il lavoro quotidiano, di poter arrivare al livello dei migliori.

Carlos Sainz, nel 2021, è stato protagonista di una eccezionale prima annata in Ferrari, cogliendo subito degli ottimi risultati per la scuderia di Maranello. In F1 CS55 ha esordito in Toro Rosso e ha, successivamente, gareggiato per il team Renault. Ha debuttato nel 2021 in Ferrari dopo due splendide stagioni in McLaren. La Ferrari ha voluto fortemente lo spagnolo per sostituire il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel. Carlos Sainz non ha avvertito la pressione di prendere il posto di uno dei piloti più amati nel passato recente di Maranello.

Non solo lo spagnolo è entrato nel cuore degli italiani, ma anche svolto un egregio lavoro in pista. Salvo due appuntamenti, Carlos ha sempre chiuso tutte le altre gare del 2021 in top 10. Sainz ha eguagliato un record clamoroso che apparteneva al grande Michael Schumacher, non ritirandosi in nessuna delle 22 gare della scorsa annata. Il primato del Kaiser resisteva dal lontano 2002, quando il tedesco terminò ogni GP della stagione senza mai neanche un ritiro. L’aspetto sensazionale è che Schumi arrivò sempre sul podio in tutte le 17 gare del campionato, dato che all’epoca i calendari erano più corti.

F1, arriva la mazzata di Christian Horner ad Hamilton: frasi pesanti

In attesa di calarsi nell’abitacolo della nuova F1-75, stamane lo spagnolo alle 8 era già in palestra, allenandosi in vista delle prove pomeridiane. Charles in mattinata ha già percorso numerosi giri con la Rossa. Dalle 14 alle 18 spetta a Carlos Sainz saggiare le qualità della nuova monoposto del Cavallino rampante.

Author: editor

Leave a Reply

Your email address will not be published.