F1, Verstappen raggiungerà Hamilton? L’ex campione gela l’olandese

Max Verstappen e Lewis Hamilton sono i due piloti più talentuosi della F1 e si sono giocati il titolo nel 2021. I due promettono battaglia.

La nuova F1 potrebbe ripartire dal dualismo interrottosi pochi mesi fa ad Abu Dhabi. Nel 2022 le monoposto saranno totalmente differenti come abbiamo potuto notare dalle prime presentazioni, ma nel paddock aleggia una convinzione: Red Bull e Mercedes potrebbero ancora farla da padrone, riprendendo il dominio a cui ci avevano abituato nel passato più recente.

Hamilton e Verstappen (GettyImages)
Hamilton e Verstappen (GettyImages)

La stagione scorsa è stata appannaggio di Max Verstappen e Lewis Hamilton, i quali hanno fatto una differenza netta nei confronti dei propri compagnio di squadra. L’olandese ci ha abituato a demolire in maniera feroce i propri teammate, come è accaduto con Pierre Gasly ed Alexander Albon. La stessa cosa è accaduta con Sergio Perez, che a fine stagione si è ritrovato con 205 punti in meno rispetto al neo-campione del mondo.

Il figlio di Jos ha vinto il titolo con 395 punti, contro i 190 del messicano. Un gap impressionante considerando che i due guidavano la stessa macchina, al netto del fatto che la Red Bull spinge totalmente su Verstappen tralasciando spesso il lavoro sul suo compagno di box. La F1 può essere uno sport crudele quando ci si trova di fronte a cannibali come Max e Lewis, che non hanno pietà anche per coloro che guidano sotto gli stessi colori.

Hamilton ha iniziato la fase finale della sua carriera, mentre l’orange ha appena vinto il suo primo titolo ed ora non ha intenzione di fermarsi. Il confronto generazionale tra i due è stato incredibilmente affascinante, e la speranza è che l’equilibrio non venga rovinato dall’avvento delle vetture ad effetto suolo.

F1, c’è l’allarme di Chris Horner: le nuove monoposto hanno un difetto

F1, Button fa una previsione su Verstappen ed Hamilton

Tutti si domandano fin dove potrà spingersi Lewis Hamilton a livello di titoli mondiali, di vittorie e di pole position, e se qualcuno riuscirà mai a raggiungerlo. In F1, i record sono fatti per essere battuti, e quelli di Michael Schumacher apparivano inattaccabili prima del dominio Mercedes nell’era ibrida.

Dopo il ritiro di Nico Rosberg, Lewis si è ritrovato a competere contro se stesso per quattro, lunghi anni, sbriciolando tutti i primati che appartenevano al Kaiser di Kerpen. Per il momento, quello relativo ai sette titoli mondiali resta condiviso tra i due fenomeni, mentre al tedesco resterà quello dei campionati vinsi consecutivamente.

Tra il 2000 ed il 2004, Michael ne mise in fila cinque all’epoca d’oro della Ferrari, mentre la striscia vincente di Hamilton si è fermata a quattro grazie alla vittoria di Max Verstappen, primo olandese a laurearsi campione del mondo in F1. Secondo Jenson Button, iridato nel 2009 con la Brawn GP, per il pilota Red Bull non sarà facile chiudere il gap che lo separa dal britannico.

F1, Marko torna su Abu Dhabi e su Masi: le sue parole spiazzano

Jenson ha concesso un’intervista a “SKY Sports“, parlando della splendida rivalità che abbiamo potuto apprezzare negli ultimi mesi: “Entrambi sono velocissimi, Max è diventato incredibilmente costante ed è dotato di un talento fuori dal comune. Tuttavia, hai sempre bisogno del miglior pacchetto per poter puntare al titolo, e sarà curioso vedere se avrà sempre la giusta macchina per poter vincere tutti quei campionati“.

Author: editor

Leave a Reply

Your email address will not be published.