Felipe Massa, stoccata all’ex compagno ferrarista: aveva una doppia faccia

L’ex pilota della Ferrari, Felipe Massa, ha rilasciato delle dichiarazioni sorprendenti in merito ad un suo vecchio teammate.

Felipe Massa è stato un pilastro della Ferrari per otto anni. Il driver brasiliano ha esordito in F1 al volante della Sauber nel 2002 e tre stagioni più tardi ha avuto il privilegio del sedile Ferrari, prendendo il posto di Rubens Barrichello. Felipe ha dato tanto a Maranello, contribuendo alla vittoria del mondiale costruttori al fianco dell’iridato Kimi Raikkonen nel 2007 e ha sfiorato lui stesso il titolo nel 2008. Per un soffio il nativo di San Paolo non è riuscito a conquistare il mondiale, beffato all’ultimo giro dalla rimonta di Lewis Hamilton.

Felipe Massa (Getty Images)
Felipe Massa (Getty Images)

Tante stagioni di alto profilo, compresa quella del 2006 come teammate di Michael Schumacher. Il brasiliano riuscì ad arrivare al terzo posto nella graduatoria mondiale, alle spalle del campione del mondo Alonso e del Kaiser. Le stagioni più importati del sud americano coincisero con il triennio 2006, 2007 e 2008. Dal 2009 in avanti la Ferrari non fu più il punto di riferimento in pista. Gli anni più difficili, infatti, per Felipe furono quelli al fianco di Fernando Alonso. I ferraristi non hanno mai avuto l’auto in grado di dominare la scena, ma lo spagnolo demolì Felipe.

F1, il Real Madrid entra nel Circus? Arriva la clamorosa indiscrezione

L’amara costatazione di Felipe Massa su Fernando Alonso

In una intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, Felipe Massa ha parlato dei suoi ex compagni di squadra alla Ferrari. “Fernando Alonso cercava di portare il team dalla sua parte, di Kimi Raikkonen era difficile capire cosa pensasse, Schumi invece vedeva sempre il bicchiere mezzo vuoto e questo spingeva il team a inseguire la perfezione“, ha dichiarato Felipe.

Su Fernando Alonso ha avuto una osservazione astiosa: “Fernando era diretto, se c’era qualcosa che non gli piaceva, faceva di tutto perché cambiasse. Il suo guaio è che aveva una doppia personalità: quando calava la visiera diventava un altro, tendeva a dividere un po’ la squadra, si chiudeva con i suoi uomini e cercava di portare il team dalla sua parte“.

Nonostante siano passati diversi anni, Felipe sembra ancora avere il dente avvelenato. Meglio soffermarsi, allora, sulla stagione 2022 che sta per iniziare. La Ferrari si augura di aver indovinato il progetto giusto con la F1-75. Una vettura molto interessante sul piano aerodinamico con soluzioni all’avanguardia. L’auto ad effetto suolo sarà consegnata nelle mani di Carlos Sainz e Charles Leclerc. Secondo il brasiliano Mercedes e Red Bull saranno ancora lì a contendersi il titolo mondiale.

Ferrari F1-75, rischio di un altro flop? Due ex piloti la vedono nera

La speranza di Massa è che Mattia Binotto, team principal del Cavallino, sia stato in grado di alzare l’asticella e rendere il gruppo più efficiente. Felipe ha elogiato i piloti della Rossa. “Pensavo come molti che sarebbe stato meglio ingaggiare Ricciardo ma si è dimostrato bravo Carlos, motivato e fisicamente preparato, un lavoratore e con Leclerc sono una coppia forte“. Lo spagnolo ha concluso la stagione al quinto posto in classifica piloti, cogliendo quattro podi nella sua prima annata a Maranello.

Author: editor

Leave a Reply

Your email address will not be published.