“Ho fatto degli errori stupidi”

Nei test della Malesia di MotoGP si rive Marquez. L’otto volte iridato fa un primo bilancio e rivela quali sensazioni ha provato alla guida.

Marc Marquez è di nuovo in gruppo. Dopo aver saltato gli ultimi due round del campionato 2021 a causa dei noti problemi al braccio infortunato nel 2020, a cui in seguito si è aggiunta una fastidiosa diplopia, il #93 è finalmente tornato in sella alla sua Honda nel contesto della prima sessione di test della MotoGP sul circuito di Sepang.

Marc Marquez (Getty Images)
Marc Marquez (Getty Images)

Il primo assaggio di pista è stato discreto visto che il rider di Cervera ha firmato l’8° crono assoluto, a poco meno di un secondo dal leader Aleix Espargaro, con ben 62 giri accumulati. Inutile dire che al termine della giornata i suoi occhi sprizzavano gioia da tutti i pori.

Sono molto contento“, le sue parole riportate da Marca. “Mi sono divertito di nuovo in moto e anche il feeling è stato positivo. Nel complesso si è sviluppato tutto nella norma, sebbene abbia commesso qualche errore stupido“.

Joan Mir sorpreso da Suzuki, poi la mezza frecciatina a Marquez

Marquez vuole qualche km in più per riprendere il ritmo

Mancando dal confronto con gli avversari da ormai tanto temo, per l’iberico trovare il passo non sarà immediato, specialmente alla luce del fatto che la RC213V è parecchio diversa dalla “belva” precedente.
>”Fisicamente mi sono un po’ stancato, ma tutto sommato sto bene. E’ stato gratificante. Per quanto riguarda la moto devo ancora capirla“, ha ammesso spiegando di aver preferito macinare tornate piuttosto che lavorare sulla sua Honda.

“Praticamente è quella fatta dai piloti a Jerez. Io non ho toccato nulla, anche perché ogni volta che ci ho provato ho poi sbagliato.

Onesto da riconoscere di non essersi sentito a proprio agio 100%, ha comunque mostrato fiducia. “Dovrò adattare il mio stile alle nuove esigenze e capire i limiti del mezzo“, ha proseguito comunque soddisfatto.

Con un paio di giri in più nel taschino, ma un riscontro cronometrico leggermente più lento, il compagno di squadra Pol Espargaro ha rivelato di aver avuto un buon feedback dalla moto.

L’equipe ha fatto uno sforzo straordinario. Con solo cinque giorni a disposizione ci sarà molto da fare. Finora tutto ok, ma credo che il meglio debba ancora arrivare. Sabato mi sono dedicato ai dettagli. Domenica invece cercherò la velocità“, ha argomentato non celando la difficoltà della sua nuova “bestia”.

Marquez e la Honda da Mondiale? Dall’interno una voce clamorosa

E’ rivoluzionaria, tecnicamente e a livello di aerodinamica. Non sarà semplice adattarsi tanto in fretta, però è cruciale che ci sia un’evoluzione“, ha chiosato.

Author: editor

Leave a Reply

Your email address will not be published.