Max Verstappen deve temere la Ferrari? Alcuni dettagli non mentono

Max Verstappen è pronto a iniziare la sua prima stagione da campione del mondo in carica, ma avrà anche la Ferrari come possibile rivale.

Il Mondiale del 2022 si appresta a essere uno dei più combattuti e incerti di sempre, perché sicuramente non ci sarà la possibilità a inizio anno di stabilire una vera e propria dominatrice e Max Verstappen non dovrà più temere la sola concorrenza di Lewis Hamilton bensì anche quella di una nuova Ferrari agguerrita.

Max Verstappen (GettyImages)
Max Verstappen (GettyImages)

Max Verstappen ha vinto per la prima volta in carriera il Mondiale nella stagione 2021 permettendo così all’Olanda di uscire dall’anonimato all’interno del circuito avendo avuto nella sua storia solamente piloti in grado di riempire solo la griglia di partenza, ma mai di lottare per grandi traguardi.

Max ha così potuto portare avanti una grande tradizione di famiglia, dopo che suo padre Jos era stato, seppur in piccolo, l’unico olandese capace di regalare qualche podio e qualche gioia a una nazione che si è riscoperta in questi ultimi anni veramente amante della F1.

La Red Bull ha dunque potuto rompere l’egemonia Mercedes che durava davvero da tantissimi anni, era infatti dal 2014 che le vittorie arrivavano solamente a Stoccarda, e così è normale che sia stata proprio la Scuderia tedesca la vera rivale nella scorsa stagione.

Dal 2022 però i cambiamenti all’interno dello sport automobilistico più amato del mondo saranno davvero tantissimi e non è da escludere un ritorno al vertice di Scuderie storiche come la McLaren o la Ferrari, in particolar modo con quest’ultima pronta a rilanciarsi alla grande.

Nessuno pensa che ci possa essere un totale appianamento delle distanze tra Mercedes, Red Bull e Ferrari nella prossima stagione, ma un avvicinamento quello sì e l’aiuto arriva anche dalla disastrosa annata 2020, chiusa solo al sesto posto.

F1, c’è l’allarme di Chris Horner: le nuove monoposto hanno un difetto

Grazie a quel risultato da dimenticare la Rossa ha potuto trascorrere il 10% del tempo in più nella Galleria del Vento rispetto a tedeschi e austriaci e questo ha dunque permesso maggior tempo e maggiori dettagli per poter realizzare la nuova vettura.

La crescita della Ferrari preoccupa la Red Bull di Max Verstappen

Questo aumento di tempo nella Galleria del Vento è sicuramente sempre stata importante nella storia, ma quest’anno lo è ancora di più, dato che i cambiamenti nel 2022 sono stati davvero epocali, considerando infatti la rivoluzione in atto.

I cambiamenti sono stati davvero tantissimi rispetto al passato e dunque avere più tempo per rinnovare la monoposto può indubbiamente essere visto come un grande aiuto in vista della stagione che verrà.

Inoltre bisogna ricordare come la Ferrari intanto abbia già ampiamente migliorato il proprio rendimento, passando dal sesto posto del 2020 al terzo del 2021, e come verso la fine della stagione il motore sia stato pesantemente potenziato, dimostrando come a Maranello si siano svolti al meglio i lavori di miglioramento della vettura.

La crescita del motore ha permesso di ribattere nel finale di stagione gli attacchi della McLaren e se a inizio anno gli inglesi erano forse leggermente superiori rispetto alla Rossa, a fine anno nessuno ha avuto dubbi su chi meritasse il gradino più basso del podio.

Non sono solo i cambiamenti della vettura a lasciare tranquilli, ma anche la grande affidabilità della coppia di piloti, con Charles Leclerc che ha tutta l’intenzione di riprendersi il comando della guida della Ferrari e con Carlos Sainz che vuole continuare a dimostrare il suo talento.

Robert Kubica svela i segreti della nuova F1: questo è quello che vedremo

Attenzione soprattutto allo spagnolo che ha ancora il dente avvelenato per essere stato scartato dalla Red Bull per tenere in corsa Max Verstappen e che se avesse l’occasione per lottare con l’olandese farebbe davvero di tutto per non perdere la posizione.

Author: editor

Leave a Reply

Your email address will not be published.