MotoGP, Pecco Bagnaia sceglie il suo futuro compagno in Ducati

Pecco Bagnaia non ha dubbi su chi vuole al suo fianco nel team italiano campione del mondo. Il centauro torinese si è esposto sul futuro teammate.

Dopo le numerose stagioni dominate da Marc Marquez in sella alla Honda, nelle ultime due annate la MotoGP ha proposto due campioni del mondo nuovi. In sella alla Suzuki nel 2020 ha conquistato la corona iridata Joan Mir, mentre lo scorso anno sulla Yamaha Fabio Quartararo è salito sul tetto del mondo. Ironia della sorte, in classifica costruttori, la Ducati ha stravinto il duello con la concorrenza. Da due anni la Rossa di Borgo Panigale è la moto da battere, ma è mancata la costanza del centauro di punta per ripetere il trionfo di Stoner nel 2007.

Pecco Bagnaia (Getty Images)
Pecco Bagnaia (Getty Images)

Le speranze dei fan, nel delicato post Valentino Rossi, sono legate soprattutto alla definitiva consacrazione di Pecco Bagnaia. Il centauro della Ducati ha terminato alla grande la passata stagione. Dopo due anni con scarsi risultati in Pramac è maturato tantissimo, riuscendo nel finale a mettere in seria difficoltà il leader Quartararo. Il torinese è salito sul gradino più alto del podio in quattro delle ultime sei gare del 2021, mostrando una velocità impressionante sulla Desmosedici.

Lo scorso anno, il torinese ha ridimensionato il suo compagno di squadra, Jack Miller, battendolo con largo margine in classifica piloti. L’italiano ha messo a referto 252 punti, a soli 26 punti dal campione del mondo Fabio Quartararo, Jack ha conquistato 181 punti, alternando buone prestazioni a performance da incubo. Bagnaia ora sogna di riuscire a cominciare il 2022 nello stesso modo con cui ha concluso la stagione precedente.

MotoGP, la scelta di Pecco Bagnaia

La pressione sul torinese sarà elevata, rispetto all’anno di debutto nel team. Bagnaia vuole diventare il primo italiano a conquistare il titolo mondiale dopo i successi di Valentino Rossi. Le motivazioni sono alle stelle. Il team non può più nascondersi, dopo due titoli costruttori consecutivi. La casa di Borgo Panigale ha perfezionato un bolide quasi perfetto.

L’obiettivo della squadra era trovare quel pizzico di performance extra anche sui pochi tracciati del calendario non congeniali alla Desmosedici. Se Bagnaia vuole diventare il re della classe regina, anche Jack Miller sarà costretto ad alzare l’asticella se vorrà conservare il suo posto in Ducati. Nella passata stagione il centauro ha deluso le aspettative, dovendo essere in teoria la prima guida della squadra.

Dopo tre ottime stagioni nel team Pramac, il nativo di Townsville ha fatto molta fatica a trovare continuità nel 2021. L’australiano ha vinto due gare, ma non ha dato prova di essere un pilota di primissimo piano. Jack non è stato in grado di frenare la cavalcata di Fabio Quartararo e qualche zero di troppo lo ha estromesso, rapidamente, dalla lotta al vertice.

L’australiano potrebbe, ancora una volta, rivelarsi una buona spalla per Bagnaia. Il torinese, intervistato da Sky Sport, ha dichiarato che ha un ottimo rapporto con Miller. I due teammate si conoscono da tempo, avendo corso nel team Pramac in precedenza. “Ci aiutiamo e ci siamo aiutati in passato in diverse situazioni. Anche in questi test è stato fondamentale avere un pilota come lui per poter fare un lavoro distinto sulle varie moto. Per questo, a me piacerebbe continuare ad avere lui compagno. È molto forte e penso che si meriti anche il posto, ma in ogni caso sarà una scelta di Ducati. Ci sono tantissimi giovani che stanno spingendo per avere la seconda sella ufficiale il prossimo anno, ma spero che Jack riesca a conquistarla ancora una volta“, ha analizzato Bagnaia.

Author: editor

Leave a Reply

Your email address will not be published.