parole che sanno di sfida

La nuova stagione di F1 è alle porte, con Christian Horner e Toto Wolff pronti a nuove ed entusiasmanti battaglie tra le loro squadre.

La nuova stagione di F1 si appresta a prendere il via. Tra meno di due settimane ci troveremo nel bel mezzo del week-end che aprirà le danze con il Gran Premio del Bahrain, ma già tra sette giorni avremo un antipasto niente male. I team stanno infatti arrivando in questi giorni sul tracciato di Sakhir, dove sono in programma gli ultimi test invernali da venerdì 11 a domenica 13 marzo.

F1 Christian Horner (ANSA)
F1 Christian Horner (ANSA)

Come lo scorso anno, le ultime prove pre-stagionali avverranno in Medio Oriente, dove le squadre lavoreranno per provare le ultime novità sulle monoposto ad effetto suolo e cercheranno di trovare il set-up ideale. Nel 2022 ci sarà una grande novità per quanto riguarda il format del fine settimana, che potrebbe scardinare gli equilibri.

Si tratterà di una variabile in più che potrebbe portare le squadre a lavorare più in fretta sulle monoposto per eventuali modifiche di assetto, anche se la grande organizzazione presente nei box potrebbe far fronte molto in fretta a questo problema. Parlando di lavoro di squadra, le più avvantaggiate sembrano essere Mercedes e Red Bull, che nel passato hanno fatto una grande differenza in questo aspetto.

Il team di Milton Keynes arriverà in Bahrain dopo aver blindato, sino al 2028, il neo-campione del mondo Max Verstappen, che ha firmato per 40 milioni di euro a stagione. Dunque, la casa della Stella a tre punte non potrà puntare a portare il pupillo di Helmut Marko a Brackley, dovendosi concentrare al massimo sulla crescita di George Russell.

Il nuovo arrivato alla corte di Toto Wolff vorrà stupire sin da subito, dopo le ottime prestazioni messe in mostra con la poco competitiva Williams. Dal canto suo, Lewis sa di poter contare su un talento smisurato e su una fame ancora molto ampia, così come per il manager austriaco che grida vendetta dopo la sconfitta di Abu Dhabi.

F1, Christian Horner provoca Toto Wolff

La F1 è sempre stata una battaglia sia sportiva che politica, ed il 2021 ha riportato alla luce questo doppio aspetto del Circus. Dal 2014 in avanti, i mondiali erano stati appannaggio di una sola squadra, che vinceva e stravinceva sino allo sfinimento dei tifosi. La Red Bull ha compiuto un’impresa, supportata dalla power unit Honda che è finalmente stata all’altezza delle aspettative.

Nelle ultime due gare, Toto Wolff ha messo in mostra tutto il suo nervosismo per un duello che non si aspettava, non riuscendo a perdere con stile come fatto dai suoi avversari negli ultimi anni. Delle sue brusche reazioni ad Abu Dhabi e Jeddah ha parlato il suo pari-ruolo Christian Horner, che ha concesso un’intervista al “Financial Times“.

Era così eccitato. In quel momento ha perso il controllo ed era sotto gli occhi di tutti. Non era mai stato in quella posizione prima, perché non è mai stato sfidato negli ultimi anni.  Nessuno lo aveva mai spinto al limite e ci siamo riusciti come squadra. Improvvisamente, abbiamo visto Totò sotto una luce molto diversa“.

Riguardo alla prima F1 ad effetto suolo costruita dal suo team, Horner ha detto: “Forse c’è una squadra che ha trovato qualcosa che non abbiamo? Penso che abbiamo una macchina decente“. Sul potenziale delle nuove monoposto è ancora troppo presto per esprimersi con certezza.

I regolamenti sono stati stravolti e potrebbero riportare un equilibrio ormai sconosciuto, così come rendere sempre più imprendibili Red Bull e Mercedes. La speranza dei tifosi è quella di poter goersi una sfida equilibrata ed ancor più esaltante rispetto alla scorsa stagione. Se ciò dovesse accadere, il divertimento raggiungerà livelli altissimi.

Author: editor

Leave a Reply

Your email address will not be published.